Dialetto-Italiano  A   B   C   D   E   F   G   H   I   J    L   M   N   O   P   Q   R   S   T   U   V   W   Z

Italiano-Dialetto  A   B   C   D   E   F   G   H   I   L   M   N   O   P   Q   R   S   T   U   V   W   Z
 

                                                              ***

G g. Questa consonante ad inizio parola e seguita dalle vocali a, o diventa spesso j; ciò avviene anche a volte se in posizione intervocalica: jattə, jaddə, jarofflə, jabbè, joccə, jalandommə, jarzə, pajè, prəjè, ecc.; a volte, nel digramma gn, la g scompare e rimane solo la n: àinə, canetə, prenə, pujunə, lionə, ecc.; stessa cosa accade per il digramma gr laddove rimane solo la r: rattè, rannə, riddə, renə, ranənetə, ràzzjə, ecc.

gabbinə sf. cabina (fr. cabine → cabin).

gaggə smf. innamorato/a (fr. cage = pegno).

galerə sf galera (gr. galéa = nave da guerra bizantina).

gallərì sf. galleria (fr. galerie → lat. mediev. galilaea = atrio della chiesa).

gallettə sf. galletta (fr. galet = ciottolo; pl. gallittə). ♦ Specie di pane biscottato piatto e a lunga conservazione, usato tempo fa come alimento di riserva per le forze armate.

ganasscә sf. ganascia (lat. volg. ganathus → gr. gnáthos = mascella). Elemento mobile di un dispositivo di frenatura.

garaggə sm. garage (fr. garer = mettere al riparo).

gavettə sf. gavetta (lat. gabatam = scodella). Recipiente di alluminio o di latta nel quale i soldati al campo ricevono e consumano il rancio.

geggettə1 sm. ciucciotto, ciuccio, tettarella, succhiotto.

Geggettə2 np. Geggetta. Diminutivo di Cecilia.

gəlatirrə sm. gelatiere.

gəlàusə agg. gelosa, invidiosa (lat. eccl. zelosam).

gəlè1 sm. panciotto (fr. gilet). Pronunciare con  la è chiusa.

gəlè2 vb. gelare (lat. gelare). Pronunciare con  la è aperta. ♦ Cə nan zudə e nan gilə, nan arrivə, nan arrivə = se non sudi e non geli, non arrivi, non arrivi. Bisogna fare enormi sforzi e sacrifici per raggiungere un obiettivo.

gəleppə sm. glassa (ar. giulabb = sciroppo). Copertura a base di zucchero fuso e altri ingredienti (caffè, cioccolato, e simili) usata per decorare torte, pasticcini, ecc.

gəletə1 sm. gelato.

gəletə2 agg. gelido.

Gəlormə np. Girolamo. ~ sfottò di ragazzini: Gəlormə mangə e dormə = Girolamo mangia e dorme.

gəlusə agg. geloso,  invidioso (lat. zelosum).  

gəlusì V. gialusì.   

gelzominə sm. gelsomino (sp. jasmin).

gəmellə sm. gemello (lat. gemellum).

gemendə V. cemendə.

gendəlezzə sf. gentilezza (lat. gentilitas).

gəndəlìzzjə sm. cappella cimiteriale (lat. gentilicium). Edificio di piccole dimensioni per la sepoltura dei morti.

gəndilə agg. gentile (lat. gentilem). ♦ Nan è gəndilə ci nasscə, quandə jè gendilə ci passcə = non si è gentili alla nascita ma lo si è quando si pasce. Gentilezza e nobiltà d’animo si acquisiscono durante la vita.

generelə sm. generale (lat. generalem).

gengellə sf. luce, lampadina. Termine usato per i bambini.

gəngillə sm. gingillo (lat. cingillum = cinturino).

gènəjə1 sm. genio (lat. genium).

gènəjə2 sm. simpatia (lat. genium). ♦ U tenə a ggènəjə = l’ha preso in simpatia.

gènəjə3 sm. voglia, desiderio (lat. genium). Tegnə u ggènəjə də scillə ad acchjè = ho voglia di andare a fargli una visita.

Gənzellə np. Genzella. Diminutivo di Vəngenzə: Vincenza.

Genzinə np. Cenzino. Diminutivo di Vənginzə: Vincenzo.

gənzurə pl. elogi (tardo lat. incensum). ♦ Sondə i primə gənzurə = sono i primi complimenti.

gəramində də chepə loc. capogiro, vertigini. Lett.: giramento di testa.

gəratàurə sf. angolo di un isolato, curva.

gərè1 V. aggərè1.  

gərè2 V. aggərè2 .  

germanesə smf. tedesco/a (pl. germanisə).

Gəsàriə np. Cesaria.

gesə gesə loc. con cura, delicatamente. ♦ Puèrtələ gesə gesə = portalo con molta cura. Probabilmente il termine proviene da Gesù, per cui: portare, prendere, un oggetto gesə gesə significa maneggiare con cura come se si trattasse della statua di Gesù. Secondo altri, gesə sarebbe la contrazione di gelusì da cui il senso di conservare gelosamente.

Gesəmunnə np. Sigismondo.

Gəseppə np. Giuseppe.

gəttè vb. gettare (fr. jetèe). Fare la colata di calcestruzzo.

gettetə sf. gettata di calcestruzzo.

gəvəndutə sf. adolescenza, giovinezza, gioventù (lat. iuventutem).

ggè avv. già (lat. iam).

gghj gli. Questo fonema altamurano corrisponde spesso a  gli  in parole italiane àgghjə = aglio; pàgghjə = paglia; quàgghjə = quaglia; məgghjerə = moglie;    cogghjə = cogliere; etc…

ggiostrə sf. giostra, luna park (fr. ant. jostə).

ggiòjə sf. gioia (fr. joie).

ggissə sm. gesso (lat. gypsum).

ghenghə sf. cricca (ingl. gang = banda di criminali).

ghjaccə sm. ghiaccio (fr. glace → lat. volg. glaciam).

ghjaccerə sf. ghiacciaia.

ghjagghjillə sm. sbarbatello (sp. cualquier = tipo qualunque). È un uomo senza carattere, vuoto, individuo privo di spina dorsale e incapace d'imporsi .

vb. andare (lat. ire). ♦ Ce ‘ngə n’amà ggì sceməninnə, cə na ‘ngən’amà ggì na ‘ngə nə simə scennə = se dobbiamo andarcene andiamocene, se non dobbiamo andarcene, non andiamocene.

giacchettə sf. giacca (fr. jaquet).

giacchə sm. giaccone (fr. jaquet). Giaccone di pelle di pecora del pastore.

Giacchinə np. Gioacchino.

Giàcumə np. Giacomo.

giajandə1 sm. gigante (fr. ant. jaiant = gigante). Persona di aspetto prestante.

Giajandə2 sopr. È un soprannome che significa Gigante. Il soprannome fu dato ad un signore che aveva mostrato molto coraggio e forza nel picchiare un sedicente mago e gettarlo in un burrone, perché questo mago guaritore gli aveva sottratto molto denaro per guarire sua figlia malata senza riuscirci.

gialusì sf. gelosia (lat. zelot[yp]ia = gelosia).

giaməndarsə V. aggiaməndarsə.   

giaməndè V. aggiaməndè.

giamindatàurə V. aggiamindatàurə.

giandarmə sm. gendarme (fr. gendarme).

giardənettə sf. giardinetta. Automobile, oggi fuori commercio, con carrozzeria promiscua, più spaziosa delle normali berline di serie, fornita di grande sportello nella parte posteriore, capace di trasportare molto bagaglio.

giardənirrə sm. giardiniere (fr. jardinier).

giargianesə sm. straniero (fr. ant. jargon [?]= linguaggio degli uccelli, cinguettio; pl. giargianise). Con questo termine s’indicava generalmente il forestiero che viene da altra nazione o che scende dall’Italia del Nord per acquistare prodotti tipici locali. Il glottologo e filologo tedesco Gerhard Rohlfs afferma che il termine giargianesi è una deformazione di viggevanesi, abitanti di Vigevano. Col tempo il termine viene riferito a persone che parlano una lingua incomprensibile. 

giarlə sf. brocca (lat. gerula = schiava portatrice o ar. gjarrah). È fatta di rame.

giarleddə sf. brocchetta. Diminutivo di giarlə.

gì buenə da cuerpə loc. averle. Lett.: andare bene da corpo. Da non confondere con gì da cuerpə = andare di corpo, defecare. ♦ Avà ggi buenə da cuerpə quannə venə = le avrà di santa ragione quando viene.

gì candədetə loc. candidarsi.

gì cəddannə loc. andare in giro. Dalla voce aciddə (uccello), quindi, andare di qua e di là senza una meta; secondo altri da cədderə, pertanto, passare da una cantina all’altra.

gì cəlunə loc. trovare difficoltà ♦ Tinnə da scì cəlunə p’acchjè n’ommə onestə joscə la dì = è difficile trovare un uomo onesto oggigiorno.

gì ciambə ciambə loc. gattonare di bambini.

gì cùcchjə cùcchjə loc. vedersela male. Trovarsi in una situazione pericolosa o molto difficile quasi da disperare della riuscita di una cosa importante.

gì da cuerpə loc. andare di corpo, defecare.

gì da sobbə loc. prevalere (contr. gì da sottə). Lett.: andare da sopra. ♦ Volə scì sembə da sobbə comə all’ègghjə = vuole stare sempre sopra come l’olio. Il prepotente vuole sempre, a torto o a ragione, prevalere sugli altri, stare al di sopra come l’olio sull’acqua.

gì da sottə loc. subire (contr. gì da sobbə). Lett.: andare da sotto. ♦ La colpə jè la sàwə e jiə wochə da sottə = la colpa è sua ed io ne subisco le conseguenze.

gì da vəndənovə a ttrendə loc. evitare un pericolo per un pelo. Lett.: andare da ventinove a trenta. La locuzione riguarda un pericolo evitato.

gì e fichə də Ciccə loc. fallire. Lett.: andare ai fichi di Ciccio. Un certo Ciccio pare che avesse un appezzamento di terreno con alberi di fichi a ridosso del cimitero; quindi giungere a quegli alberi significa toccare il fondo, arrivare al fallimento.  ♦  Sə n’è ggiutə e fichə də Ciccə = è fallito.

gì filə filə loc. per poco non, essere lì lì per, stare per. Usato in frasi di connotazione negativa. ♦ A sciutə filə filə pə mmèttələ sottə = per poco non lo investivi. || Vè sembə filə filə p’abbusckuè = sta sempre lì lì per buscarle. || Scibbə filə filə pə spəzzarmə na jammə = fui sul punto di rompermi una gamba. || A sciutə filə filə d’essə angappetə = non sei stato preso per un pelo.

gì fuddetə loc. trovare difficoltà. ♦ A dà scì fuddetə p’acchjè nu muestə buenə = è difficile trovare un mastro bravo.

Gigginə np. Luigino. Diminutivo di Luwiggə: Luigi.

giggommə V. ciggommə.

gì jində loc. restringersi. Lett.: andare dentro. ♦ Doppə co u sò llavetə, u muaglionə è ggiutə jində = dopo averlo lavato il maglione si è ristretto.

Gillə GIL. Acronimo per Gioventù Italiana Littorio. La GIL fu un’organizzazione giovanile fascista, fondata il 29 ottobre 1937 (XVI dell’era fascista) con lo scopo di accrescere la preparazione spirituale, sportiva e militare dei ragazzi italiani fondata sui principi dell’ideologia del regime. In essa confluì anche l’Opera Nazionale Balilla, creata per i giovani di ambo i sessi dai 6 ai 21 anni, e tutte le organizzazioni che ad essa facevano capo. La sede della sezione locale fascista frequentata da studenti ed operai, ora scuola media, è in Via Matera.

gì ‘ngulə ‘ngulə loc. seguire molto da vicino. Lett. andare in culo in culo.

ginzə sm. jeans (ingl. jeans). Tela di cotone, prevalentemente blu, molto resistente.

gì o spundə1 loc. infortire. Detto di vino che inacidisce.

gì o spundə2 loc. dare i numeri. Detto di chi si comporta in modo strano, incoerente.

gì pə ssottə loc. prenderle senza averne colpa. Lett.: andare per sotto. ♦ Cə nan nə luwemə da ‘mmenzə, amà ggì pə ssottə = se non ci togliamo di qua, saremo incolpati ingiustamente.

giralittə sm. balza, giroletto. Fascia colorata di tessuto diverso, che, mentre ornava, nascondeva allo sguardo ciò che si usava mettere sotto il letto: patate, orinale o altro.

giradischə sm. giradisco, grammofono.

giramàsculə sm. filettatrice.

gì retə a loc. corteggiare. Lett.: andare dietro a. U sé ca Giuwannə vè retə a Viadorə = lo sai che Giovanni corteggia Teodora?

gì retə retə loc. seguire da vicino.

girogolə sm. collier. Girocollo solitamente regalato in occasione di fidanzamenti.

giubbəlè sm. giubileo (lat. jubilaeum → ebr. yobel = capro). Il termine viene dall’ebraico, yobel, perché la solennità religiosa ebraica veniva annunciata dal suono di un corno di capro.

giùbbələ sm. giubilo (tardo lat. iubilum).

giùdəcə sm. giudice (lat. iudicem → ius = diritto e dicere = dire, quindi, colui che parla di diritto).

giudəchè vb. giudicare (lat. judicare).

giudìzzjə sm. giudizio, senno, prudenza (lat. judicium). ♦ È puestə giudìzzjə = si è ravveduto. Lett.: ha messo giudizio. || Nan è angorə puestə u dendə du giudìzzjə = non ha ancora messo il dente del giudizio. La dicitura dente del giudizio è dovuta al fatto che generalmente questo compare tra il sedicesimo ed il ventiquattresimo anno di età.

giudəzziusə agg. giudizioso, assennato.

giuramendә sm.  giuramento (lat. iuramentum).

giurè vb. giurare (lat. iurare)

giurnelə sm. quotidiano, giornale (fr. journal → lat. diurnalis → diurnus = giornaliero).

giustə agg. giusto (lat. iustum).

giustə giustə loc. a puntino. ♦ È ggiutə giustə giustə = è entrato a puntino.

giustìzzjə sf. giustizia (lat. iustitiam). ♦ È ggiutə a ccərchè ràzzjə e jè vutə giustízzjə = è andato a chiedere grazia ed ha avuto giustizia. È il lamento di chi non ha ricevuto il trattamento sperato e sarebbe stato meglio se fosse rimasto al suo posto lasciando stare tutto com'era.

Giuwannə np. Giovanni. ♦ Pəgghjàmələ a rrisə la mortə də Giuwannə = ridiamo per la morte di Giovanni. Molto probabilmente il detto fa riferimento alla gioia per la decapitazione di Giovanni il Battista. Erodiade, madre di Salomè, aveva abbandonato il marito Erode Filippo I ed era andata a convivere con il cognato, il re Erode Antipa. Giovanni Battista condannò pubblicamente la condotta dello zio di Salomè; questi allora lo fece prima imprigionare, poi, per compiacere la bella figlia di Erodiade, che aveva ballato ad un banchetto, lo fece decapitare. ~ sfottò di ragazzini: Giuwannə e Giuwannə pìgghjə u zippə e sonə la bannə, la sonə chjenə chjenə e Giuwannə u ‘nguappachenə = Giovanni e Giovanni prende il bastoncino e suona la banda, la suona piano piano e Giovanni l’accalappiacani.

Giuwannə Mustazzə sopr. È un soprannome che significa Giovanni il Baffo. Si dice che un certo Giovanni fu arrestato per oltraggio a pubblico ufficiale perché chiamò il suo cane, di nome Mustazzə, proprio mentre passavano due gendarmi con un gran paio di baffi. Dovette faticare non poco per convincere le forze dell’ordine che non aveva offeso nessuno, ma aveva semplicemente chiamato il suo cane.

Giuwànnə u paccə sopr. È un soprannome che significa Giovanni il pazzo.

giuwanottə sm. giovanotto (lat. iuvenem).

giuwuneddə sf. giovincella.

giuwuniddə sm. giovincello.

glòrjə sf. gloria.

gloria patrə loc. gloria Patri. Ecco il Gloria Patri in latino … altamurano ! Gloria patrə e fìgghjə e spìrdə sandə, səcuterə ‘mbringìpjə e nunghə e sembə ‘nzeculə seculormə, ammennə.

gnàgnələ sf. ghianda (lat. glandula).

gnagnərascé vb. mangiucchiare, masticare (long. wanga o gr. anko = molare).

gnau onom. miao. Voce del gatto.

gnaulè vb. miagolare. Di derivazione onomatopeica, cioè, da gnau.

gnàurə agg. nera. ~ Indovinello 29: Mamma gnàurə appisə stàjə e tetə russə ‘ngulə ‘ngə abbattàjə = mamma nera stava appesa e babbo rosso la batteva in culo. Soluzione a pagina 336.

Gnàzziə np. Ignazio.

gnèmmərə sm. gomitolo (lat. volg. ghiomo → glomus = gomitolo; pl. gnòmmərə). ♦ Nan filə e nan dessə, ma chissə gnòmmərə d’addau jèssənə? = non fila e non tesse, ma questi gomitoli da dove vengono fuori? Si dice quando si dubita della provenienza lecita della ricchezza di chi non lavora.

gnòffətə sm. pivello (gr. neóphytos).

gnornò avv. signornò.

gnorsì avv. sissignori, signorsì.

gnostrə1 sf. claustro (lat. claustrum). I claustri sono tipiche piazzette o larghi che si aprono sulle vie principali del centro storico altamurano. Sono unici nell'architettura popolare. Se ne contano circa 80 e rappresentano l'aggregarsi spontaneo di gruppi familiari o etnici (Latini, Mori, Giudei). La loro conformazione assolveva, oltre che ad una funzione sociale,  anche ad una difensiva: il claustro, con l'unica entrata, costituiva una trappola per i nemici che, se si fossero avventurati fin lì, sarebbero rimasti imprigionati e subissati da lanci di pietre, acqua o altro. Esistono due tipi di claustri: quello di stile greco con il largo tondeggiante e al centro un pozzo o un albero; quello di stile arabo stretto e lungo con una piccola strada chiusa e in fondo un pozzo per le acque piovane. Molti claustri sono stati abbandonati e quindi oggi sono disabitati e mal ridotti. Fra i più pittoreschi e caratteristici ricordiamo: La gnostrə du tradəmində (claustro tradimento) e La gnostrə du ‘mbuirnə (claustro inferno). Il primo è di media dimensione con ai piani terra cisterne di acqua piovana, ormai in disuso. Il nome ricorda il leggendario tradimento che fece capitolare la città nel 1799. Si racconta che una ragazza, innamorata di un soldato calabrese, al seguito di Ruffo, abbia permesso l’accesso del suo amante nel claustro, la notte tra il 9 e il 10 maggio 1799. Fu proprio quel soldato, poi, ad aprire le porte agli assedianti. L’aneddoto, però, è solo una leggenda popolare che non ha alcun fondamento storico. Il secondo, claustro inferno, ha un nome emblematico che fa pensare a chissà quale fatto infernale accaduto nei tempi andati. Ma, forse, inferno sta a significare semplicemente una sorta di labirinto con un intrico di stradine che ricordano quelle infernali di dantesca memoria.

gnostrə2 sm. inchiostro (lat. encaustum = bruciatura gr. ènkauston = inchiostro preparato a fuoco).

gnottə vb. mangiare (tardo lat. ingluttire = inghiottire).

gnummurìddə sm. involtino fatto con interiora di agnello (lat. volg. ghiomo → glomus = gomitolo; pl. gnummureddə). I gnummureddə di Altamura sono forse gli unici piatti che non hanno bisogno di pubblicità perché è sufficiente l’odore che dai fornelli delle beccherie si diffonde per le strade a fare da potente richiamo. Impossibile trovarli nei ristoranti; si mangiano intorno ai fornelli ancora fumanti nella tipica carta gialla dei macellai  bruciandosi le dita e mandando qualche imprecazione.

gnumurè vb. aggomitolare (lat. glomerare).

gnurandə agg. ignorante (lat. [i]gnorantem).

gnurandətè sf. ignoranza (lat. ignorantiam).

gnurə agg. nero (lat. volg. niuru → nigrum). ♦ Jè gnurə da forə e da jində (u prèvətə) = è nero fuori e dentro ( il prete). Espressione anticlericale. || Cuddə jè nu jattə gnurə = quello è un menagramo. Lett.: Quello è un gatto nero.

gnurəcuòrjə sm. nerume.

gnurəmuè vb. mangiare (tardo lat. rumigare).

gnurucuè1 vb. annerire (lat. nigricare = divenire nero).

gnurucuè2 vb. abbronzare.

gnurucuetə1 agg. annerito.

gnurucuetə2 agg. abbronzato.

gnustreddə sf. claustretto.

gnuwulanzə sf. annuvolamento (tardo lat. gnavilantia [?]).

grammòfənə sm. grammofono, giradischi (gr. gràmma = segno + phonè = suono).

grancasscə sf. grancassa (sp. gran caja = grande tamburo).

granetə sf. melagrana (lat. granatum).

granitә sf. granita.

grassə1, grasscə agg. e sm. grasso (lat. grassum).

grassə2 sf. ingrasso (lat. grassum). ♦ Stè comə a nu puerchə a la grassə = stai come un maiale all’ingrasso. Sono i maiali che si mettono all’ingrasso; scherzosamente si dice di chi è ingrassato parecchio.

gratissə avv. gratis (lat. gratis = graziosamente, per favore).

grattamariannә sf. granita. Prodotto rinfrescante che si ottiene grattando del ghiaccio e aromatizzandolo con sciroppi di vari gusti. In siciliano si chiama ghiacciu pistatu (ghiaccio pestato). Il nome grattamariannə ha una spiegazione storica: Marianne è l’immagine (in forma di donna) della Repubblica Francese sorta con la Rivoluzione del 1789 ed è il simbolo della patria che nutre e protegge il popolo. La grattamariannə è diventata, così, il simbolo di una bevanda non nobiliare ma alla portata di tutti, quindi anche del popolo, che facilmente poteva godere la bontà e il fresco del ghiaccio aromatizzato. 

gratuwitə agg. gratuito (lat. gratuitum).

grədè vb. gridare (sp. gritar tardo lat. quiritare = chiamare aiuto).

gretə sm. grado (lat. gradum = gradino). ♦  Jè passetə (də) gretə = è passato al grado superiore.

grevə agg. grave (lat. gravem = pesante).

grəzzəlè i carnə loc. rabbrividire, avere la pelle d’oca (long. grimmizon = corrugare la fronte).

griggə agg. grigio (provz. gris).

grinə sm. crine (lat. crinis = capello). Materiale fibroso per imbottiture, per lo più ricavato da alcune specie di palma. Sostituì la paglia di granturco per l’imbottitura dei materassi negli anni ’50.  

grìnzələ sf. brivido. Sintomo d’influenza.

gritə sm. grido (sp. grito).

gudè vb. guidare (germ. witan = indirizzare).

gunviè vb. gonfiare (lat. conflare = gonfiare; contr. sgunviè).